Convertire gli ebrei? I doveri del principe tra imperativi religiosi e necessità politica (Lombardia, XV secolo)

Savy, Pierre (2017) Convertire gli ebrei? I doveri del principe tra imperativi religiosi e necessità politica (Lombardia, XV secolo). Reti Medievali Rivista, 18 (2). pp. 189-218. ISSN 1593-2214

[img]
Preview
Text
5322-19914-2-PB.pdf - Published Version

Download (475kB) | Preview
Official URL: http://www.rmojs.unina.it/index.php/rm/article/vie...

Abstract

ITALIANO: La politica conversionistica nei confronti degli ebrei viene qui studiata nel contesto del ducato di Milano nella seconda metà del XV secolo, per essere poi confrontata con la trattatistica del tempo. Smentendo il luogo comune di un potere politico prono a schemi religiosi, l’atteggiamento degli Sforza è più complesso e prudente di quanto ci si aspetterebbe: fino alla fine del secolo, il duca non interviene in modo particolarmente incisivo a favore della conversione degli ebrei, per timore dei disordini che essa avrebbe potuto provocare e della sua possibile illegalità; ma, una volta che le conversioni si siano realizzate, egli le difende e le strumentalizza. Per lui, non sottomettersi all’ingiunzione conversionistica proveniente dalla Chiesa è un modo per affermare la propria superiorità politica. In maniera paradossale, non intervenire è dunque un indizio del suo potere. / ENGLISH: This paper first examines the princely power’s implementation of a conversionist policy regarding Jews in the late medieval Duchy of Milan, and then considers the treatment of the conversion in contemporary treaties and mirrors of princes. The Sforza’s attitude towards conversion was more complex than one might expect given common assumptions about medieval religiosity. Until the end of the 15th century, the duke did not do much to promote the conversion of Jews, out of fear that doing so might cause a popular uprising, or even prove illegal. But when Jews did convert, the duke defended and exploited their actions. Indeed, the prince affirmed his political superiority through his refusal to submit to the Church’s injunction to force the Jews to convert. Paradoxically, he demonstrated his power by refraining from intervention.

Item Type: Article
Additional Information: Questo articolo sviluppa un intervento letto il 30 settembre 2016 al convegno "Le prince et la conversion", organizzato da Christophe Duhamelle e Claire Sotinel all’École des hautes études en sciences sociales (Parigi) nel quadro del progetto POCRAM (“Pouvoir politique et conversion religieuse [Antiquité-période moderne]”, ANR 13-CULT-0008, su cui si veda <https://pocram. hypotheses.org/>; i primi risultati di POCRAM si trovano in "Pouvoir politique et conversion religieuse").
Uncontrolled Keywords: Medioevo, Secolo XV, Lombardia, Cristianesimo, Conversione, Ducato di Milano, Ebrei, Principe, Sforza, Trattatistica del principe, Visconti, Middle Ages, 15th Century, Lombardy, Christianity, Conversion, Duchy of Milan, Jews, Prince, Sforza, Treaties of princes, Visconti
Subjects: D History General and Old World > D History (General) > D111 Medieval History
Depositing User: dr Vincenzo De Luise
Date Deposited: 23 Dec 2017 12:54
Last Modified: 23 Dec 2017 12:54
URI: http://www.rmoa.unina.it/id/eprint/4704

Downloads

Downloads per month over past year

Actions (login required)

View Item View Item